Caravan Next: l’arte di creare inclusione

Conference logo_Header_UNITO

300 eventi in 16 Paesi europei. Oltre 300 professionisti teatrali coinvolti. 180.000 cittadini inclusi negli eventi artistici, dei quali il 55% al di sotto dei 35 anni. I dati sono sorprendenti: il 70% sostiene che la partecipazione alle attività del progetto ha contribuito al proprio benessere; l’85% dichiara di aver preso parte ad attività artistiche che non aveva mai sperimentato prima; il 98% afferma che ha avuto l’opportunità di incontrare persone che altrimenti non avrebbe mai conosciuto.

Sono i principali risultati del progetto europeo “Caravan Next”, ideato e gestito dal Social Community Theatre Centre | Unito di Torino grazie al finanziamento del Programma Europa Creativa dell’Unione Europea. Il progetto, con un budget complessivo di circa 4 milioni di euro in 4 anni, ha riunito in un partenariato 13 organizzazioni culturali e 30 partner associati. È riuscito a sviluppare competenze professionali e avvicinare al mondo della cultura un pubblico più vasto – con le relative ricadute economiche – attraverso il Teatro Sociale e di Comunità, l’innovativa metodologia di teatro sociale che coinvolge le comunità come parte attiva del processo artistico.

I numeri vengono presentati e discussi l’11 e 12 ottobre a Torino durante la conferenza Arte e comunità. Modelli europei di audience engagement e inclusione sociale”, che chiude dopo 3 anni il progetto “Caravan Next”.

I protagonisti internazionali del mondo dell’arte e del teatro sociale si incontrano al Teatro Vittoria, presso Rinascimenti Sociali, nella Sala delle Colonne del Municipio, per parlare del ruolo della cultura nel costruire comunità aperte e plurali.

La conferenza di apertura, l’11 al Teatro Vittoria, con partecipazione gratuita e iscrizione obbligatoria, sarà un’occasione unica di incontro e approfondimento.

  • Alle 14:30 interverrà Marzia Santone del Creative Europe Desk Italia, punto di riferimento gratuito per gli operatori del settore cultuale e creativo che vogliono partecipare a Creative Europe, il programma dell’Unione Europea che finanzia progetti culturali. Racconterà il ruolo dell’Italia nei programmi di audience engagement: il processo di allargamento e diversificazione del pubblico e di miglioramento delle condizioni complessive di fruizione.
  • Alle 15:00 saranno illustrati i risultati conclusivi del progetto Caravan Next.
  • Alle 16:30 si terrà una tavola rotonda con ospiti internazionali per affrontare il tema delle community based arts
  • Alle 18:30 sarà presentata la prima Scuola Nazionale di Teatro Sociale e di Comunità, nata dalla partnership tra Università degli Studi di Torino e il Centro di Cultura e iniziativa Teatrale Mario Apollonio dell’Università Cattolica di Milano. Il percorso professionale propone la metodologia del Teatro Sociale e di Comunità (TSC), ideata nel 2003 a Torino dall’SCT Centre, come pratica di lavoro nell’area artistica, socio-educativa, socio-sanitaria e scolastica. Solide basi teoriche si uniscono ad un approccio pratico che consente la sperimentazione degli studenti in attività sul campo e progetti di tirocinio.
  • Alle 20:00 ci sarà la prima italiana dello spettacolo della compagnia danese Forsøgsstationen, “The Voice of the Audience“, presentato per la prima volta nel 2017 al Royal Theatre di Copenhagen. Una performance sonora realizzata con la partecipazione di comuni cittadini, che creano una melodia a partire dai suoni che il pubblico emette abitualmente a teatro come tosse, risa, applausi. Ecco un video con sottotitoli in inglese del progetto.

Il 12 ottobre al mattino, presso Rinascimenti Sociali, artisti internazionali presenteranno i loro modelli di lavoro in una modalità simile ad un match di improvvisazione e discuteranno con il pubblico la possibilità di applicarli a Torino.

Dalle 14:30 alle 17:30, nella sala delle Colonne del Municipio (Piazza Palazzo di Città), si terrà in collaborazione con l’UNESCO il convegno “Audience engagement e cultural heritage: il ruolo dei giovani e delle comunità”. Il programma prevede un intervento dedicato a Terract – gli attori della terra”, nuovo progetto del Social Community Theatre Centre che sta coinvolgendo centinaia di giovani per la valorizzazione del patrimonio culturale e paesaggistico tra Italia e Francia.

Arte e comunità”, che si inserisce all’interno del programma di Torino Design of the City (12-21 ottobre), è la conferenza conclusiva delle 5 previste in Europa (Bruxelles, Sevilla, Szczecin, l’Aia), cui farà seguito l’8 novembre a New York l’ultima delle 5 previste in area extra europea, dopo Taiwan, Rabat, Sydney e Yerevan (Armenia).

About Staff

    You May Also Like